ALIFATICI CLORURATI CANCEROGENI

 

I metodi di pretrattamento e analisi per i composti alifatici clorurati cangerogeni sono generalmente applicabili per tutti i dodici analiti per i quali la legislazione prevede limiti di concentrazione: clorometano, diclorometano, triclorometano, cloruro di vinile, 1,2-dicloroetano, 1,1-dicloroetilene, 1,2-dicloropropano, 1,1,2-tricloroetano, tricloroetilene, 1,2,3-tricloropropano, 1,1,2,2-tetracloroetano, tetracloroetilene (PCE).

Vista la volatilità degli analiti, i metodi di pretrattamento sono basati sulla loro separazione dalla matrice per volatilizzazione. In particolare, i metodi EPA sono basati sulla tecnica dello spazio di testa (5021), distillazione sotto vuoto (5032) o "purge and trap" (5035 e 5030b). Il metodo ISO/DIS 15009 invece prevede l’estrazione degli analiti con metanolo seguita da separazione “purge and trap”. Il metodo ISO non fa esplicito riferimento al cloruro di vinile, all’1,1-dicloroetilene o all’1,1,2,2-tetracloroetano, ma si può ipotizzare che sia applicabile anche alla loro determinazione.

Il metodo IRSA 23a infine prevede l’estrazione degli analiti in n-pentano. La determinazione dei composti alifatici clorurati cancerogeni sfrutta nuovamente la loro volatilità e viene effettuata mediante GC (metodi EPA 8021b, IRSA 23a e ISO/DIS 15009) o GC/MS (metodo EPA 8260b). Il metodo IRSA non cita esplicitamente il clorometano, diclorometano, cloruro di vinile, 1,2-dicloroetano, 1,1,2-tricloroetano, 1,2,3-tricloropropano. Tuttavia si può ipotizzare che la metodica sia utilizzabile anche per questi composti.

Nei metodi EPA di pretrattamento e di determinazione sono riportate procedure di controllo di qualità che si consiglia di eseguire anche se si seguono altre metodiche, al fine di verificare l'accuratezza del procedimento seguito. Sono inoltre segnalate le eventuali cause di rischio e le misure di sicurezza da adottare (ad esempio per la manipolazione di reagenti tossici).

 

Pretrattamento del campione

·       Metodi EPA

Il metodo EPA 5000 fornisce indicazioni generali sui metodi di preparazione (purge-and-trap, spazio di testa, distillazione …) per l'introduzione di composti volatili nello strumento di misura. Fornisce inoltre informazioni sulle possibili interferenze e sulle misure di controllo di qualità da adottare. I singoli metodi di preparazione sono poi descritti in maggiore dettaglio in singoli metodi EPA (ad esempio EPA 5021, 5032, 5035).

Il metodo EPA 5021 descrive un’analisi automatica in spazio di testa per suoli ed altre matrici solide. Il campione solido è posto in un “vial” tarato e chiuso con setto al momento del campionamento. Si aggiunge un modificatore di matrice contenente uno standard interno o un sostituto. Il “vial” è posto poi in apparecchio a spazio di testa ad equilibrio automatico che scalda l’intero campione a 85°C mentre lo tiene in agitazione per vibrazione meccanica. Un volume noto di spazio di testa è in seguito introdotto automaticamente in un sistema GC o GC/MS per l’analisi dei componenti organici volatili. I limiti di concentrazione valutabili variano tra 10 e 20 µg/kg.

Il metodo EPA 5032 descrive una tecnica di distillazione sotto vuoto in un sistema chiuso per l’analisi delle sostanze organiche volatili comprese quelle non estraibili in corrente gassosa, quelle solubili in acqua, composti organici volatili in soluzione acquosa, quelle solide ed i rifiuti oleosi. Il campione è introdotto in un matraccio e poi collegato ad un sistema di distillazione sotto vuoto. La pressione di distillazione resta approssimativamente intorno a 10 torr (tensione di vapore dell’acqua) finché l’acqua non è tutta rimossa dal campione. Il vapore passa attraverso un condensatore raffreddato a –10°C, o meno, e il distillato incondensato è bloccato criogenicamente in un pezzo di colonna di acciaio inossidabile da 1/8 inch raffreddato alla temperatura dell’azoto liquido (-196°C). Dopo un tempo di distillazione idoneo, che può variare a seconda della matrice o delle sostanze da determinare, il condensato nella trappola criogenica è desorbito termicamente e trasferito ad un GC usando He come gas di trasporto. Questo metodo è molto valido per estrarre sostanze organiche da una grande varietà di matrici.

Il metodo EPA 5035 descrive un sistema di “purge and trap” per l’analisi delle sostanze organiche volatili che sono estraibili in corrente gassosa da una matrice solida a 40°C. E’ idoneo per suoli, sedimenti e ogni campione di rifiuto solido di consistenza simile al suolo. Il campione (normalmente 5 g) è posto nel vial di campionamento con la soluzione modificatrice di matrice. Il campione rimane ermeticamente sigillato a partire dal campionamento e durante l’analisi dato che il sistema di “purge and trap” chiuso aggiunge automaticamente standard ed esegue il processo di “purge and trap”. Il metodo fornisce dati accurati perché si minimizzano le perdite di sostanze volatili dato che si riduce il “maneggiamento” del campione, tuttavia è necessario un apparecchio di “purge and trap” speciale. Può essere usato anche per la determinazione di benzina nelle matrici solide. I limiti di concentrazione valutabili variano tra 0.5 e 200 µg/kg per campioni

In presenza di elevate concentrazioni (> 200 µg/kg) o di campioni oleosi, gli analiti vengono estratti con la medesima procedura, ma la loro introduzione nello strumento di misura viene effettuata secondo il metodo 5030b.

 

·       Metodi ISO

Il metodo ISO/DIS 15009 è basato sull’estrazione degli analiti in metanolo sotto agitazione. Una frazione dell’estratto viene introdotta in un sistema “purge and trap” ed i composti volatili vengono trasportati da un flusso di gas inerte ed adsorbiti su un supporto solido, dal quale sono desorbiti per via termica e introdotti nel gas cromatografo, se necessario interponendo una trappola fredda. Come indicato precedentemente, il metodo non fa esplicito riferimento al cloruro di vinile, all’1,1-dicloroetilene o all’1,1,2,2-tetracloroetano, ma si può ipotizzare che sia applicabile anche alla loro determinazione.

 

·       Metodi IRSA

Il metodo IRSA 23a riporta una procedura di estrazione dei solventi organici clorurati in n-pentano. L’estrazione può essere condotta con un agitatore magnetico o con un sistema ad ultrasuoni. Come indicato precedentemente, il metodo non cita esplicitamente il clorometano, diclorometano, cloruro di vinile, 1,2-dicloroetano, 1,1,2-tricloroetano, 1,2,3-tricloropropano. Tuttavia si può ipotizzare che la metodica sia utilizzabile anche per questi composti.

 

Determinazione

·     Metodi EPA

Il metodo EPA 8021b descrive le condizioni gascromatografiche per la determinazione dei composti organici volatili alogenati ed aromatici. I campioni possono essere analizzati usando come pretrattamento uno dei metodi sopra segnalati. Viene usato un programma di temperatura e la determinazione viene effettuata per mezzo di un rivelatore a fotoionizzazione (PID) e di un rivelatore a conducibilità (HECD) in serie. Se le analisi riguardano esclusivamente composti alogenati si può usare solo l’HECD, nel caso di composti aromatici si può usare solo il PID. L’intervallo di concentrazione per cui il metodo è applicabile varia da 0.1 a 200 µg/L; il limite di rilevabilità per ciascun composto è di 1 µg/kg (peso umido) per campioni di suolo e di sedimenti.

Il metodo EPA 8260b è idoneo per la determinazione di molti composti organici volatili con punto di ebollizione sotto i 200°C che sono introdotti nel gascromatografo con uno dei metodi sopra riportati. I composti da analizzare vengono introdotti direttamente in una colonna “wide-bore” o concentrati criogenicamente su una pre-colonna capillare prima di essere vaporizzati istantaneamente (flash) in una colonna capillare “narrow-bore” per l’analisi. Viene usato un programma di temperatura e il rivelatore è uno spettrometro di massa (MS). Il limite di rivelabilità del metodo per ogni composto può dipendere dallo strumento, dalla scelta del metodo di preparazione e del metodo di introduzione del campione per cui usando una strumentazione quadrupolare ed una tecnica “purge and trap” approssimativamente il limite è di 5 µg/Kg per i terreni.

 

·     Metodi ISO

Il metodo ISO/DIS 15009 descrive la determinazione di idrocarburi aromatici volatili, naftalene e idrocarburi alogenati volatili mediante GC con colonna capillare. Per la determinazione degli idrocarburi alogenati si utilizza un rivelatore a cattura di elettroni (ECD). L’identità degli analiti e la presenza di eventuali interferenze positive dovute a coeluizioni viene identificata ripetendo l’analisi con un’altra colonna o usando la tecnica GC-MS. Come indicato precedentemente, il metodo non fa esplicito riferimento al cloruro di vinile, all’1,1-dicloroetilene o all’1,1,2,2-tetracloroetano, ma si può ipotizzare che sia applicabile anche alla loro determinazione.

 

·       Metodi IRSA

Il metodo IRSA 23a per i solventi organici clorurati è basato sulla separazione gascromatografica degli analiti e sulla loro rivelazione con ECD. Come indicato precedentemente, il metodo non fa esplicito riferimento ai composti: clorometano, diclorometano, cloruro di vinile, 1,2-dicloroetano, 1,1,2-tricloroetano, 1,2,3-tricloropropano. Tuttavia si può ipotizzare che la tecnica sia utilizzabile anche per questi analiti.

 

Stima dei limiti di rilevabilità (per i metodi EPA espressi come EQL, estimated quantitation limit, se non è specificato diversamente) per parametri organici (valori espressi in mg/kg; s.s.: sostanza secca; s.u.: sostanza umida; dove non è specificato se si tratta di s.s. o s.u., manca l’indicazione nel testo originale del metodo. MDL = method detection limit; MCL = method calibration limit)

 

NOTA: I limiti di rilevabilità dipendono fortemente dalla composizione della matrice: i valori sono pertanto da ritenersi puramente indicativi

 

Alifatici clorurati cancerogeni

Lim A*

Lim B*

Metodo EPA

Metodo ISO

Metodo IRSA 

36

Clorometano

0,1

5

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

 

37

Diclorometano

0,1

5

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

 

38

Triclorometano

0,1

5

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

0,1 (metodo 23a)

39

Cloruro di Vinile

0,01

0,1

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

 

 

40

1,2-Dicloroetano

0,2

5

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

 

41

1,1 Dicloroetilene

0,1

1

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

 

 

42

1,2-Dicloropropano

0,3

5

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

 

43

1,1,2-Tricloroetano

0,5

15

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

0,1 (metodo 23a)

44

Tricloroetilene

1

10

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

0,1 (metodo 23a)

45

1,2,3-Tricloropropano

0,1

1

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

 

46

1,1,2,2-Tetracloroetano

0,5

10

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

 

0,1 (metodo 23a)

47

Tetracloroetilene (PCE)

0,5

20

0,001 s.u. (metodo 8021b)

0,005 s.u. (metodo 8260b)

0,01 (metodo 15009)

0,1 (metodo 23a)

 

*, Limite A: siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale; Limite B: siti ad uso commerciale e industriale

 

Instrumental detection limit: la concentrazione che produce un segnale più alto di 5 volte il rapporto segnale/rumore dello strumento.

Lower detection limit: la concentrazione in acqua che produce un segnale più altro di 2 (1,645)s della media delle bianchi. E’ anche chiamato “detection limit”

Method Detection Limit (MDL): la concentrazione che, dopo l’intero procedimento, produce un segnale che ha il 99% di probabilità di essere diversa dal bianco. Per 7 repliche del campione, la media deve essere 3.14s volte superiore al bianco, dove s è la deviazione standard delle sette repliche

Estimated Quantitation Limit (EQL): la concentrazione che produce un segnale sufficientemente più elevato del bianco in modo da essere rivelato, nei limiti specificati, da buoni laboratori nelle condizioni operative di routine. Tipicamente è la concentrazione che produce un segnale 10s più alto del bianco dell’acqua.